Perchè associarsi?
Associarsi all'USPI permette di usufruire di una serie di servizi gratuiti
  • la consulenza editoriale e l'assistenza amministrativa per pratiche pubbliche
  • l'aggiornamento professionale tramite l’invio settimanale della “NEWSLETTER - NOTIZIARIO USPI”
  • la rappresentanza e la tutela in seno alle Commissioni ministeriali
  • il filo diretto telefonico, per email o fax, per consulenza fiscale, postale, legislativa, legale, pubblicitaria e internet
  • partecipazione a "Giornate Formative" gratuite di qualificazione professionale
  • convenzioni esclusive per i soci USPI
  • tessera, bollino annuale e "disco stampa" per autovettura
Come Associarsi
Trova periodici
Seleziona una categoria:
 
 
Acquacultura
(v.pesca)
Agenzie d’informazione Agricoltura
foreste
giardinaggio
Alimentazione
bevande
gastronomia
Ambiente
ecologia
Amministrazione pubblica e privata Annuari generali e guide Annunci economici Archeologia
antichita’
belle arti
arti figurative
Architettura
arredamento
design
Artigianato Assistenza
previdenza
assicurazioni
Associazioni
(v.periodiciassociativi)
Automazione
(v.tecnica)
Automobilismo
motociclismo
strade
traffico pneumatici
Aviazione civile e militare
astronautica
missilistica
Aziende
(v.periodici aziendali)
Belle arti
(v.archeologia)
Bibliografia
biblioteconomia
Calzature
cuoio
Carta – cartolibreria
editoria
grafica
stampa tipografia
Casalinghi
ferramenta
giocattoli
Categorie
(v.periodici dicategoria)
Chimica
chimica industriale
colori – vernici – materie plastiche
Cosmetica
essenze
profumi
Cristalleria
(v.vetreria)
Cuoio
(v. calzature)
Design
(v.architettura)
Diritto – legislazione
giurisprudenza
Divulgazione scientifica
(v.scienze)
Ecologia Economia
banche
commercio
industria
finanza
fiere e mostre
Edilizia
costruzioni
marmi
urbanistica
Elettronica
(v.elettrotecnica)
Elettrotecnica
elettronica
informatica
Emigrazione Energia
(v.fonti di energia)
Enologia
enotecnica
Farmacologia Filatelia
numismatica
Filologia
(v.linguistica)
Filosofia Fisica
(v.matematica)
Fonti di energia – combustibili
carburanti
Forze armate Fotografia
ottica
Fotoromanzi
(v.rotocalchi)
Gastronomia
(v.alimentazione)
Geografia
astronomia
astrologia
geodesia
geologia
meteorologia
paleontologia
paleografia
speleologia
Giardinaggio Giocattoli
(v.casalinghi)
Giornalismo
(v.informazione)
Giovani
(v.periodici per i giovani)
Guide
(v. annuari generali)
Informatica Informazione
cronaca
giornalismo
Ingegneria
ingegneria meccanica
idraulica
Inquinamento
(v.scienze naturali)
Legislazione
(v.diritto)
Letteratura
narrativa
cultura varia
Linguistica
filologia
Locali Matematica
fisica
Meccanica
(v.ingegneria)
Medicina
chirurgia
igiene
sanita’
Metallurgia
metallografia
miniere
Miniere
(v.metallurgia)
Missilistica
(v.aviazione)
Moda
abbigliamento
confezioni
tessili
Modellismo
(v.tempo libero)
Mostre
(v. economia)
Musica Narrativa
(v.letteratura)
Nautica
navigazione interna
marina mercantile e da diporto
Navigazione interna
(v.nautica)
Numismatica
(v.filatelia)
Oreficeria
orologeria
gioielleria
Orologeria
(v.oreficeria)
Ottica
(v.fotografia)
Pedagogia
(v.scuola)
Periodici associativi Periodici aziendali Periodici di categoria Periodici per i giovani
fumetti
Periodici politici Periodici sindacali Pesca
acquacoltura
Politica
(v.periodici politici)
Previdenza
(v.assistenza)
Profumi
(v.cosmetica)
Pubblicita
marketing
organizzazione aziendale
elazioni pubbliche
Quotidiani Relazioni pubbliche
(v.pubblicità)
Religione – teologia – periodici parrocchiali Riviste per la donna Rotocalchi
fotoromanzi
Sanità
(v. medicina)
Scienze
divulgazione scientifica
Scienze naturali (biologia botanica idrologia
acque inquinamento)
Scuola
didattica
educazione
pedagogia
Sindacalismo
(v.periodici sindacali)
Sociologia
psicologia
volontariato
Speleologia
(v.geografia)
Spettacolo
teatro
cinema
radio
televisione
Sport (in generale) Statistica Storia Tecnica (in generale)
tecnologia
automazione
Televisione
(v.spettacolo)
Tempo libero – giochi
modellismo
Teologia
(v.religione)
Termalismo
(v.turismo)
Tessili
(v. moda)
Tipografia
(v.carta)
Traffico
(v.automobilismo)
Trasporti Turismo
alberghi
termalismo
Urbanistica
(v.edilizia)
Vernici
(v. chimica)
Veterinaria
(v.zoologia)
Vetreria
articoli da regalo
ceramica
cristalleria
Volontariato
(v.sociologia)
Zoologia
zootecnia
cinofilia
veterinaria
Periodici Locali Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia romagna Friuli venezia giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino alto adige Umbria Valle d’aosta Veneto



Ricerca per parole chiave


Convegno uspi sulle “fake news” - vetere: “la disinformazione e’ sempre esistita. oggi e’ amplificata dall’utilizzo di internet”
torna indietro  versione stampabile
13/11/2019

Il Convegno, organizzato da USPI – Unione Stampa Periodica Italiana, “Fake News – Libertà e responsabilità di informazione nell’era digitale” si è tenuto ieri, martedì 12 novembre 2019, presso la Sala Koch del Senato della Repubblica, con una sala gremita ed interventi precisi e stimolanti.

 

I lavori, diretti magistralmente dalla moderatrice Federica Meta – giornalista CORCOM-, sono iniziati con il saluto istituzionale del Sen. Antonio De Poli e proseguiti poi con gli interventi del Segretario Generale USPI, Francesco Saverio Vetere, del Presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, del Public Policy manager di Google Italia, Diego Ciulli, del Direttore di Giornalistitalia.it, Carlo Parisi, e dell’esperto in materia di Diritto e Mercati dei contenuti e dei servizi online dell’Università Europea di Roma, Maurizio Gualdieri.

 

Il Sen. Antonio DE POLI, durante i suoi indirizzi di saluto, in primis ha ringraziato l’USPI per l’organizzazione di un evento su temi tanto attuali e dibattuti come quelli delle fake news, della disinformazione e della responsabilità dell’informazione. De Poli sottolinea subito quanto siano fondamentali “sia la libertà che la responsabilità nel fare informazione oggi, soprattutto nel digitale. L’informazione del futuro è la 4.0 ma in realtà la stiamo già sperimentando. Le fonti informative sono aumentate grazie alle tecnologie e per questo è molto importante fare informazione con responsabilità, che va di pari passo con la professionalità: bisogna tutelare chi fa informazione in modo professionale, chi lo fa con serietà. La mediazione giornalistica è fondamentale ma va fatta correttamente. Dobbiamo accogliere le sfide del digitale, delle nuove tecnologie perché l’innovazione è un’onda che va “surfata” altrimenti ci travolge”.

 

Dopo un breve commento, la Dott.ssa Meta ha introdotto immediatamente l’intervento del Segretario Generale dell’USPI Vetere, dopo i canonici saluti d’apertura e i ringraziamenti ai relatori presenti, si è concentrato sul tema del convegno, definendo alcuni termini fondamentali come quelli di «fake news» – “termine generico per indicare indistintamente una vasta gamma di disturbi dell’informazione” – e «disinformazione» – “contenuti informativi creati per risultare verosimili, contagiosi e con intento doloso di diffusione”.


“L’informazione si è sempre accompagnata alla disinformazione, non è solo un fenomeno che riguarda l’informazione online. Ci sono innumerevoli casi di disinformazione nella storia, anche nel corso del XX secolo, consistenti nell’attuazione di una precisa strategia di disinformazione su mezzi che in quel momento erano attivi: carta stampata, radio e tv. Con l’avvento delle nuove tecnologie abbiamo assistito a cambiamenti importanti anche nel sistema di fruizione dell’informazione, ma anche a nuovi sistemi di creazione dell’informazione”.
Il rapporto del pubblico con l’informazione è un tema nel tema: “Nel XXI secolo non si può più parlare di analfabetismo, ma si parla (da 35 anni) di analfabetismo funzionale, ovvero dell’incapacità del pubblico di esercitare una vera e reale attività critica sui testi, sulle cose che legge” continua Vetere, che poi passa ad analizzare il sistema delle regole giornalistiche che “sono state pensate per l’informazione tradizionale, per un sistema verticale in cui il giornalista è il mediatore. Questo è necessario ancora adesso, ma l’informazione ad oggi non è più solo in mano ai giornalisti e questo va considerato mentre si ripensa il sistema, modificato dallo sviluppo tecnologico.”


Poi conclude: “Anche la struttura dei nostri ordinamenti è lenta, ma non possiamo neanche pretendere che la legge regolamenti ogni singola parte di un fenomeno che cambia ogni 6 mesi. La tecnologia ci cambierà, ma noi possiamo unire alla tecnologia un sistema di lavoro espresso in una maniera più consona ai nuovi tempi. Siamo vecchi come istituzioni ma non come valori e questi valori sono lo scopo del nostro lavoro e dobbiamo cercare di portarli nel mondo di internet. Questo sarà il nostro lavoro futuro”.

 

Carlo Verna, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti, all’inizio del suo intervento, chiarisce subito di essere d’accordo con Vetere per quanto riguarda le regole deontologiche pensate per un sistema completamente diverso: “Le cose dal 1963 (anno in cui è stata promulgata la legge n. 69 che regolamenta la professione), sono cambiate molto, non ci sono più pochi soggetti che fanno informazione, ormai è una questione che riguarda tutti. Il fenomeno è nuovo e sovranazionale, il cambiamento è tumultuoso, paragonabile solo a quando tutto cominciò”. Per Verna, inoltre, è fondamentale rendersi conto di come “gli algoritmi e la pubblicità personalizzata orientino le nostre scelte, è come se fosse una maxi-fake news. È per questo che è importante che l’Ordine combatta questa battaglia e noi vogliamo farlo, confrontandoci con tutti i soggetti che si sono accorti della pericolosità della situazione transitoria attuale”.

 

L’interessante intervento di Diego Ciulli, Public Policy manager di Google Italia, si apre con un’affermazione che fa riflettere: “È fondamentale identificare il nemico per poterlo contrastare. Il nemico non sono le fake news ma la disinformazione. Non si devono contrastare le bugie, perché fanno parte del sistema democratico, ciò che si deve combattere è la disinformazione, ovvero qualcosa di calcolato per distogliere l’attenzione del pubblico e manovrare il pensiero”. In chiusura poi, aggiunge: “Abbiamo l’urgenza di educare i cittadini alla bellezza della pluralità informativa, senza però fidarsi di qualsiasi cosa leggano in rete”.

 

Il Direttore di Giornalistitalia.it, Carlo Parisi, affronta il tema del convengo analizzando la posizione dei colleghi: “I giornalisti si trovano sempre più imbavagliati sotto vari aspetti. Quello che ci viene prospettato come contenuto gratis online ha un prezzo altissimo, dettato dalla dittatura dell’algoritmo. Chi più può spendere, più riesce a raggiungere. Questo contrasta con il diritto-dovere dei giornalisti che è appunto quello di informare. Se parliamo di giornalismo professionale e di qualità parliamo di qualcosa che costa, perché appunto è di qualità. Ecco perché, in qualità di Segretario Generale Aggiunto della FNSI, avevo tanto sostenuto il Contratto USPI-FNSI, proprio perché importante per i giornalisti e per potersi permettere informazione di qualità”. Poi sposta il discorso sull’analisi del settore in generale che è “concepito in maniera arcaica” per questo non “non riusciamo a correre dietro alle tecnologie”.

 

Maurizio Gualdieri, nel suo intervento, sceglie invece di toccare il tema dal punto di vista giuridico e sicuramente più tecnico, spiegando alla platea come sia importante per il giurista “definire il fenomeno” prima di analizzarlo nella realtà dei fatti: “Cos’è la fake news? Un dato incontrovertibile è che la traduzione della locuzione fake news non sia affatto in grado di spiegare quella che è la portata effettiva del fenomeno. Si rischia di estenderne oltre modo la circonferenza o di ridurne eccessivamente la portata.” È poi indubbio, per Gualdieri, che “il fenomeno sia essenzialmente diverso da quello che il legislatore aveva pensato nel 1930. Forse bisogna spronare il legislatore, indicandogli la strada. Il fenomeno delle fake news impone un ripensamento sul ruolo degli intermediari della rete che devono essere non più passivi, ma responsabili”.

 

Finiti gli interventi dei relatori, alcuni spettatori si sono alzati per porre domande e per apportare contributi alla discussione. Da segnalare l’intervento di Rosa Rubino, Direttore de “Il Vomere”, storico giornale di Marsala associato USPI, in attività dal 1896. Rubino interviene puntualmente suggerendo a tutti i suoi colleghi di andare sempre a fondo nella verifica dei fatti, a costo di perdere lo scoop, perché “le notizie false sono prima di tutto un rischio per la democrazia”. Inoltre, il lavoro di verifica e approfondimento “è sempre andato a mio beneficio perché i miei lettori conoscono la veridicità della mia testata”.

 

Il tema dibattuto dai relatori durante il Convengo è ampio e articolato; il confronto costante, la responsabilità nella condivisione di notizie e la sensibilizzazione su determinati argomenti sono le uniche strade percorribili per evitare di cadere prede delle fake news e della disinformazione dilagante.