Perchè associarsi?
Associarsi all'USPI permette di usufruire di una serie di servizi gratuiti
  • la consulenza editoriale e l'assistenza amministrativa per pratiche pubbliche
  • l'aggiornamento professionale tramite l’invio settimanale della “NEWSLETTER - NOTIZIARIO USPI”
  • la rappresentanza e la tutela in seno alle Commissioni ministeriali
  • il filo diretto telefonico, per email o fax, per consulenza fiscale, postale, legislativa, legale, pubblicitaria e internet
  • partecipazione a "Giornate Formative" gratuite di qualificazione professionale
  • convenzioni esclusive per i soci USPI
  • tessera, bollino annuale e "disco stampa" per autovettura
Come Associarsi
Trova periodici
Seleziona una categoria:
 
 
Acquacultura
(v.pesca)
Agenzie d’informazione Agricoltura
foreste
giardinaggio
Alimentazione
bevande
gastronomia
Ambiente
ecologia
Amministrazione pubblica e privata Annuari generali e guide Annunci economici Archeologia
antichita’
belle arti
arti figurative
Architettura
arredamento
design
Artigianato Assistenza
previdenza
assicurazioni
Associazioni
(v.periodiciassociativi)
Automazione
(v.tecnica)
Automobilismo
motociclismo
strade
traffico pneumatici
Aviazione civile e militare
astronautica
missilistica
Aziende
(v.periodici aziendali)
Belle arti
(v.archeologia)
Bibliografia
biblioteconomia
Calzature
cuoio
Carta – cartolibreria
editoria
grafica
stampa tipografia
Casalinghi
ferramenta
giocattoli
Categorie
(v.periodici dicategoria)
Chimica
chimica industriale
colori – vernici – materie plastiche
Cosmetica
essenze
profumi
Cristalleria
(v.vetreria)
Cuoio
(v. calzature)
Design
(v.architettura)
Diritto – legislazione
giurisprudenza
Divulgazione scientifica
(v.scienze)
Ecologia Economia
banche
commercio
industria
finanza
fiere e mostre
Edilizia
costruzioni
marmi
urbanistica
Elettronica
(v.elettrotecnica)
Elettrotecnica
elettronica
informatica
Emigrazione Energia
(v.fonti di energia)
Enologia
enotecnica
Farmacologia Filatelia
numismatica
Filologia
(v.linguistica)
Filosofia Fisica
(v.matematica)
Fonti di energia – combustibili
carburanti
Forze armate Fotografia
ottica
Fotoromanzi
(v.rotocalchi)
Gastronomia
(v.alimentazione)
Geografia
astronomia
astrologia
geodesia
geologia
meteorologia
paleontologia
paleografia
speleologia
Giardinaggio Giocattoli
(v.casalinghi)
Giornalismo
(v.informazione)
Giovani
(v.periodici per i giovani)
Guide
(v. annuari generali)
Informatica Informazione
cronaca
giornalismo
Ingegneria
ingegneria meccanica
idraulica
Inquinamento
(v.scienze naturali)
Legislazione
(v.diritto)
Letteratura
narrativa
cultura varia
Linguistica
filologia
Locali Matematica
fisica
Meccanica
(v.ingegneria)
Medicina
chirurgia
igiene
sanita’
Metallurgia
metallografia
miniere
Miniere
(v.metallurgia)
Missilistica
(v.aviazione)
Moda
abbigliamento
confezioni
tessili
Modellismo
(v.tempo libero)
Mostre
(v. economia)
Musica Narrativa
(v.letteratura)
Nautica
navigazione interna
marina mercantile e da diporto
Navigazione interna
(v.nautica)
Numismatica
(v.filatelia)
Oreficeria
orologeria
gioielleria
Orologeria
(v.oreficeria)
Ottica
(v.fotografia)
Pedagogia
(v.scuola)
Periodici associativi Periodici aziendali Periodici di categoria Periodici per i giovani
fumetti
Periodici politici Periodici sindacali Pesca
acquacoltura
Politica
(v.periodici politici)
Previdenza
(v.assistenza)
Profumi
(v.cosmetica)
Pubblicita
marketing
organizzazione aziendale
elazioni pubbliche
Quotidiani Relazioni pubbliche
(v.pubblicità)
Religione – teologia – periodici parrocchiali Riviste per la donna Rotocalchi
fotoromanzi
Sanità
(v. medicina)
Scienze
divulgazione scientifica
Scienze naturali (biologia botanica idrologia
acque inquinamento)
Scuola
didattica
educazione
pedagogia
Sindacalismo
(v.periodici sindacali)
Sociologia
psicologia
volontariato
Speleologia
(v.geografia)
Spettacolo
teatro
cinema
radio
televisione
Sport (in generale) Statistica Storia Tecnica (in generale)
tecnologia
automazione
Televisione
(v.spettacolo)
Tempo libero – giochi
modellismo
Teologia
(v.religione)
Termalismo
(v.turismo)
Tessili
(v. moda)
Tipografia
(v.carta)
Traffico
(v.automobilismo)
Trasporti Turismo
alberghi
termalismo
Urbanistica
(v.edilizia)
Vernici
(v. chimica)
Veterinaria
(v.zoologia)
Vetreria
articoli da regalo
ceramica
cristalleria
Volontariato
(v.sociologia)
Zoologia
zootecnia
cinofilia
veterinaria
Periodici Locali Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia romagna Friuli venezia giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino alto adige Umbria Valle d’aosta Veneto



Ricerca per parole chiave


Vetere (uspi) e martella (pcm): “l’intervento statale e’ fondamentale nel settore dell’editoria”
torna indietro  versione stampabile
27/09/2019

Per il Segretario Generale USPI e il Sottosegretario con delega all’editoria, il rilancio del comparto della stampa e della informazione non può prescindere dalla difesa del pluralismo da parte dello Stato.

 

Cosa si è detto al Convegno USPI “Una nuova strategia per il rilancio del settore dell’editoria”.

 

Giovedì 26 settembre, presso la sala Koch del Senato – Palazzo Madama a Roma, l’Unione Stampa Periodica Italiana ha organizzato un incontro per presentare le azioni intraprese e finalizzate a rilanciare il settore dell’editoria, favorire la ripresa dell’occupazione, contrastare il lavoro precario e sostenere la tenuta del sistema previdenziale.

 

Al Convegno sono intervenuti il neo sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria Andrea Martella, il senatore questore Antonio De Poli e il senatore e membro dell’ufficio di Presidenza del Senato Francesco Laforgia.

 

Hanno svolto relazioni il Segretario Generale USPI Francesco Saverio Vetere, il Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna e il Consigliere di amministrazione AON, Giorgio Moroni, che ha presentato l’Accordo Quadro per la creazione della polizza RC professionale per gli editori. Ha coordinato i lavori il Segretario Generale Aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Carlo Parisi.

 

Riportiamo una sintesi dei loro interventi.

 

 

Introduzione

 

CARLO PARISI

 

Segretario Generale Aggiunto della FNSI

 

Introducendo i lavori, Parisi ha auspicato un passo di cambio dell’informazione in generale, che non ha retto la veloce evoluzione  della tecnologia. Da 6milioni di copie vendute negli anni ’90 si è passati alle attuali 1,6milioni. Il settore è stato devastato dalla crisi e ha dovuto fare un massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali per i giornalisti, finanziati esclusivamente dall’NPGI, La cassa dell’Istituto di previdenza è in grave sofferenza, Si sono persi 5mila posti di lavoro. Dei 109mila iscritti all’Ordine dei giornalisti, solo 9mila sono contrattualizzati e versano i contributi previdenziali. “E’ necessario – ha concluso Parisi – un importante intervento pubblico”.

 

 

I saluti

 

FRANCESCO LAFORGIA

 

Membro dell’ufficio di Presidenza del Senato

 

Riportando i saluti del Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, il senatore ha invitato tutte le parti in causa a una discussione pubblica sul valore della libera informazione. Si è dichiarato d’accordo sulla necessità di un intervento pubblico, raccogliendo le sollecitazioni dell’USPI che ha sempre indicato l’importanza che contributi e regolamentazione del settore vadano di pari passo. Le stesse battaglie dell’USPI, che oggi vengono presentate al pubblico – Contratto nazionale di lavoro e polizza di responsabilità civile per editori e giornalisti – sono per Laforgia uno stimolo per il legislatore che è chiamato, oggi più di ieri, a combattere la precarietà del lavoro giornalistico, e a individuare dei meccanismi di tutela per editori e giornalisti contro le “liti temerarie”.

“L’USPI, con i passi compiuti – ha così concluso il senatore, ci invita a raccogliere i segnali provenienti dal settore e ad essere tutti più consapevoli e responsabili”.

 

ANTONIO DE POLI

 

Questore del Senato

 

A dibattere in questo Convegno c’è il “cuore pulsante” della democrazia e la presenza del sottosegretario Martella è un chiaro segno di quanto sia importante riflettere su tali questioni. Perché, sostiene il senatore, esiste un forte rischio di delegittimazione delle Istituzioni. Occorre prestare attenzione al mondo dell’editoria e al suo futuro, con interventi dello Stato nel settore.

 

“La politica e lo Stato – ha concluso De Poli – devono sostenere la stampa libera e la libertà di stampa”.

 

ANDREA MARTELLA

 

Sottosegretario di Stato con delega all’editoria

 

“Ho accolto con gioia questo invito. – ha esordito Martella – Da me oggi aspettatevi un messaggio di saluto, per ragioni di correttezza istituzionale verso il Parlamento vorrei astenermi dal dire quali saranno i miei indirizzi. Voglio ascoltare i vostri pensieri e pareri su questo bene pubblico fondamentale quale è l’informazione”.

 

Quando si elaborano delle strategie per il nostro settore, ha sostenuto il sottosegretario, non si può prescindere da alcuni principi: la libertà di stampa è un bene di tutti, fondamentale per il funzionamento della nostra società. Bisogna assicurare sostegno al pluralismo.

 

Il lavoro giornalistico (al pari della libertà di stampa) è fondamentale per la qualità della informazione: ne discende la possibilità del lettore di informarsi correttamente e crearsi un’opinione. Ora sembra giunto il momento di fare delle scelte politiche che possano offrire al settore delle strade di miglioramento. La crisi dell’editoria è dovuta sicuramente alla rivoluzione digitale che ha cambiato il modo di fruizione e di produzione dell’informazione, ma la democrazia ha tra i suoi fondamenti quello di una stampa libera, professionale, ancorata alla verità dei fatti e pluralista. Per questo occorre, secondo Martella¸ combattere l’odioso problema della pirateria. Il copyright, terreno di scontro tra ideologie negli ultimi anni, è essenziale per preservare la certezza del principio fondamentale della giusta remunerazione del lavoro.

 

“Questo è il mio messaggio, il mio saluto, – ha chiosato Martella – la mia ispirazione fondamentale. Solo con il confronto sereno tra le parti si potrà aprire un orizzonte di crescita per il settore. La tutela dei diritti e la difesa del lavoro sono ambiti essenziali per la nostra democrazia”.

 

 

Le relazioni

 

FRANCESCO SAVERIO VETERE VETERE:

 

Segretario Generale USPI

 

Ringrazio il Sottosegretario Martella e i senatori intervenuti per l’attenzione al nostro settore, ha esordito Vetere, e per la sensibilità che trova riscontro nell’anima profonda dell’USPI. Il settore è in grande crisi da una parte (cartaceo) e in grande sviluppo dall’altra (digitale).

 

Gettiamo le basi per un grande lavoro che ci aspetta nei prossimi mesi, ha sostenuto il Segretario Generale, senza però trascurare il contenuto che le associazioni e la Presidenza del consiglio hanno portato, nei mesi scorsi, durante i lavori degli Stati generali dell’editoria. È stato fatto un grande lavoro e quel lavoro non va buttato via perché i rappresentanti del settore hanno rappresentato le criticità di tutto il comparto.

 

Si partiva da presupposti diversi che hanno orientato il lavoro delle istituzioni e delle parti sociali in maniera diversa. Siamo partiti da un’idea dello Stato che si è andata modificando nei mesi, originariamente il settore avrebbe dovuto rinunciare all’intervento pubblico perché inizialmente il tema era quello.

 

“Per la tutela del pluralismo dell’informazione in Italia non è possibile rinunciare all’intervento statale nel settore, che deve tutelarlo e regolamentarlo. – ha affermato Vetere – Parliamo della necessità che alcune voci nascano e restino presenti nel sistema dell’informazione per garantire un effettivo pluralismo. Il pluralismo si deprime se i giornali chiudono”.

 

Anche l’Ordine dei giornalisti, ha insistito il responsabile USPI, esiste perché nel nostro ordinamento è previsto che la professione sia regolamentata. I principi deontologici vanno tutelati e la disinformazione si può arginare ricorrendo alla deontologia.

 

L’USPI chiederà che i contributi vengano mantenuti anche dopo il 2022. I numeri di vendita dei giornali generalisti sono crollati nell’editoria imprenditoriale, è quella che è in crisi. I giornali non si leggono più a causa del disinteresse dei lettori e occorrerà capirne il motivo.

 

Rispetto all’editoria digitale, che invece è in crescita, bisognerà sostenerla per farle aumentare il fatturato, individuando anche possibili contributi indiretti. Andrà analizzata la struttura stessa dei contributi indiretti e l’eventualità di abbattimento del cuneo fiscale.

 

La storia del nostro Paese, ha così ricordato Vetere, ci dà un’indicazione importante: lo Stato deve intervenire per sostenere il pluralismo, ma dentro un recinto di regole da rispettare.

 

L’editoria online  si è ritrovata molto in ritardo nel sistema editoriale, perché non voleva accettare regole, questo ha portato come conseguenza che l’online non abbia mai avuto un sistema di contribuzione pubblica. I giornali online, registrati in tribunale, devono poter accedere ai contributi pubblici e quindi all’aiuto dello Stato.

 

Negli anni ’70, ha richiamato alla mente il SG, ci fu uno sviluppo tecnologico importante, e lo Stato varò la legge 416/1981, che regolava il settore e prevedeva i contributi pubblici per 5 anni. Quella legge smosse il settore.

 

“Occorre, oggi più di allora, – ha finito l’intervento Vetere – una nuova legge che regoli e dia sostegno al comparto editoriale come attualmente si struttura”.

 

Riguardo alla nuova polizza RC editori creata dall’USPI e AON per gli associati alla Unione, Vetere ha sottolineato il problema delle querele temerarie, che comprimono la libertà di informazione, e sono delle vere e proprie intimidazioni per gli editori. Il prezzo della polizza è proporzionato alla dimensione dell’editore quindi ha costi giusti in relazione alla grandezza dell’azienda.

  

Vedi l'intervento completo del Segretario Generale VETERE

 

 

CARLO VERNA

 

Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti

 

Le convenzioni sociali e il mondo dell’informazione sono cambiati totalmente. “La professionalità della intermediazione, tipica prerogativa del giornalismo, non esiste più. – ha sottolineato il Presidente – L’Ordine dei giornalisti è uno strumento di garanzia della democrazia e non costa un euro al cittadino”.

 

Diminuiscono i rapporti di lavoro strutturati, ma il lavoro c’è ancora e aumentano anche i giornali, soprattutto gli online. Siamo ossigeno per questa democrazia, per questo servizio che diamo alla comunità e ai cittadini.

 

Il mondo è sostanzialmente cambiato, la carta stampata non è un dinosauro è un bene culturale che va sostenuto e valorizzato. Il web è un mare di possibilità, di libertà che però vanno regolamentate. “C’è da ripensare completamente tutto l’approccio alla legislazione che riguarda l’informazione. – ha concluso Verna – Ci sono troppi punti oscuri e norme poco chiare”.

 

 

GIORGIO MORONI

 

Consigliere di amministrazione di AON

 

La polizza assicurativa ha una funzione sociale. L’incarico di strutturare una assicurazione di responsabilità civile per gli editori e i suoi dipendenti e collaboratori è stato una sfida complessa, ma molto interessante. Realizzare questa convenzione è stata un’impresa, con tutte le sue fragilità, perché solamente con la costituzione di una massa critica importante questa garanzia assicurativa potrà durare nel tempo e avere una continuità. Bisogna formare la massa critica per reggere l’urto delle denunce e querele.

E’ la prima assicurazione in assoluto in Italia. Le caratteristiche principali di questa convenzione sono che non ci sono sovrappremi per le testate online, c’è un team centralizzato dedicato alla gestione dei casi. Copre tutti i casi di colpa. L’unico discrimine è il dolo.

 

Per ulteriori e più approfondite informazioni. vai all’articolo dedicato.

 

 

Il saluto

 

UBERTO FRASCERRA

 

Presidente MEPE – Distribuzione Editoriale

“La distribuzione in edicola e nei punti alternativi è ancora un caposaldo della nostra filiera, – ha dichiarato Frascerra – ma nessuno se ne occupa e se ne preoccupa”.

Nel 2012, il fatturato era di 2.850milioni di euro, nel 2019 è sceso a 1.650milioni. Il mercato sta crollando. Hanno chiuso edicole, distributori locali e distributori nazionali. Lo Stato non aiuta questa parte di settore. Serve un urgente sostegno al settore distributivo.