Perchè associarsi?
Associarsi all'USPI permette di usufruire di una serie di servizi gratuiti
  • la consulenza editoriale e l'assistenza amministrativa per pratiche pubbliche
  • l'aggiornamento professionale tramite l’invio settimanale della “NEWSLETTER - NOTIZIARIO USPI”
  • la rappresentanza e la tutela in seno alle Commissioni ministeriali
  • il filo diretto telefonico, per email o fax, per consulenza fiscale, postale, legislativa, legale, pubblicitaria e internet
  • partecipazione a "Giornate Formative" gratuite di qualificazione professionale
  • convenzioni esclusive per i soci USPI
  • tessera, bollino annuale e "disco stampa" per autovettura
Come Associarsi
Trova periodici
Seleziona una categoria:
 
 
Acquacultura
(v.pesca)
Agenzie d’informazione Agricoltura
foreste
giardinaggio
Alimentazione
bevande
gastronomia
Ambiente
ecologia
Amministrazione pubblica e privata Annuari generali e guide Annunci economici Archeologia
antichita’
belle arti
arti figurative
Architettura
arredamento
design
Artigianato Assistenza
previdenza
assicurazioni
Associazioni
(v.periodiciassociativi)
Automazione
(v.tecnica)
Automobilismo
motociclismo
strade
traffico pneumatici
Aviazione civile e militare
astronautica
missilistica
Aziende
(v.periodici aziendali)
Belle arti
(v.archeologia)
Bibliografia
biblioteconomia
Calzature
cuoio
Carta – cartolibreria
editoria
grafica
stampa tipografia
Casalinghi
ferramenta
giocattoli
Categorie
(v.periodici dicategoria)
Chimica
chimica industriale
colori – vernici – materie plastiche
Cosmetica
essenze
profumi
Cristalleria
(v.vetreria)
Cuoio
(v. calzature)
Design
(v.architettura)
Diritto – legislazione
giurisprudenza
Divulgazione scientifica
(v.scienze)
Ecologia Economia
banche
commercio
industria
finanza
fiere e mostre
Edilizia
costruzioni
marmi
urbanistica
Elettronica
(v.elettrotecnica)
Elettrotecnica
elettronica
informatica
Emigrazione Energia
(v.fonti di energia)
Enologia
enotecnica
Farmacologia Filatelia
numismatica
Filologia
(v.linguistica)
Filosofia Fisica
(v.matematica)
Fonti di energia – combustibili
carburanti
Forze armate Fotografia
ottica
Fotoromanzi
(v.rotocalchi)
Gastronomia
(v.alimentazione)
Geografia
astronomia
astrologia
geodesia
geologia
meteorologia
paleontologia
paleografia
speleologia
Giardinaggio Giocattoli
(v.casalinghi)
Giornalismo
(v.informazione)
Giovani
(v.periodici per i giovani)
Guide
(v. annuari generali)
Informatica Informazione
cronaca
giornalismo
Ingegneria
ingegneria meccanica
idraulica
Inquinamento
(v.scienze naturali)
Legislazione
(v.diritto)
Letteratura
narrativa
cultura varia
Linguistica
filologia
Locali Matematica
fisica
Meccanica
(v.ingegneria)
Medicina
chirurgia
igiene
sanita’
Metallurgia
metallografia
miniere
Miniere
(v.metallurgia)
Missilistica
(v.aviazione)
Moda
abbigliamento
confezioni
tessili
Modellismo
(v.tempo libero)
Mostre
(v. economia)
Musica Narrativa
(v.letteratura)
Nautica
navigazione interna
marina mercantile e da diporto
Navigazione interna
(v.nautica)
Numismatica
(v.filatelia)
Oreficeria
orologeria
gioielleria
Orologeria
(v.oreficeria)
Ottica
(v.fotografia)
Pedagogia
(v.scuola)
Periodici associativi Periodici aziendali Periodici di categoria Periodici per i giovani
fumetti
Periodici politici Periodici sindacali Pesca
acquacoltura
Politica
(v.periodici politici)
Previdenza
(v.assistenza)
Profumi
(v.cosmetica)
Pubblicita
marketing
organizzazione aziendale
elazioni pubbliche
Quotidiani Relazioni pubbliche
(v.pubblicità)
Religione – teologia – periodici parrocchiali Riviste per la donna Rotocalchi
fotoromanzi
Sanità
(v. medicina)
Scienze
divulgazione scientifica
Scienze naturali (biologia botanica idrologia
acque inquinamento)
Scuola
didattica
educazione
pedagogia
Sindacalismo
(v.periodici sindacali)
Sociologia
psicologia
volontariato
Speleologia
(v.geografia)
Spettacolo
teatro
cinema
radio
televisione
Sport (in generale) Statistica Storia Tecnica (in generale)
tecnologia
automazione
Televisione
(v.spettacolo)
Tempo libero – giochi
modellismo
Teologia
(v.religione)
Termalismo
(v.turismo)
Tessili
(v. moda)
Tipografia
(v.carta)
Traffico
(v.automobilismo)
Trasporti Turismo
alberghi
termalismo
Urbanistica
(v.edilizia)
Vernici
(v. chimica)
Veterinaria
(v.zoologia)
Vetreria
articoli da regalo
ceramica
cristalleria
Volontariato
(v.sociologia)
Zoologia
zootecnia
cinofilia
veterinaria
Periodici Locali Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia romagna Friuli venezia giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino alto adige Umbria Valle d’aosta Veneto



Ricerca per parole chiave


Par condicio per le elezioni politiche del 4 marzo, istruzioni per quotidiani e periodici
torna indietro  versione stampabile
15/01/2018

 

 

Le relative Delibere dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 8 del 11.1.2018. 

 

 

 

Gli uffici dell’USPI sono a disposizione per qualsiasi chiarimento o quesito

 

 LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

(Si rammenta che, come previsto dalla legge, e indicato nell’articolo 24 del regolamento Agcom approvato il 10 gennaio 2018, gli organi ufficiali di partito e di movimento politico nonché le stampe elettorali di liste, candidati e gruppi di candidati, non sono soggetti alla disciplina che segue. Per organo ufficiale si intende il quotidiano o periodico registrato come tale al tribunale, ovvero che risulti tale nello statuto del partito o movimento, o per esplicita indicazione in testata).

 

La normativa di riferimento in materia di par condicio è contenuta nella legge 22 febbraio 2000, n. 28. Essa disciplina i periodi di campagna elettorale che iniziano a seguito dello scioglimento delle assemblee e della convocazione dei comizi elettorali.
Il principio di fondo della cosiddetta par condicio nel settore della stampa si limita ad assicurare condizioni minime comuni a tutti i soggetti politici per l’accesso alla comunicazione politica a stampa (si chiamano messaggi politici e elettorali). Nessuna disposizione particolare disciplina l’informazione che non ha vincoli diversi rispetto ai periodi ordinari.

 

Nel corso di questa campagna elettorale 2018 Agcom ha varato due distinti regolamenti par condicio, uno per le elezioni del Parlamento (DELIBERA n. 1/18/CONS) – che interessano dunque tutto il comparto della stampa quotidiana e periodica, l’altro per le elezioni regionali di Lazio e Lombardia (DELIBERA n. n. 2/18/CONS), che interessa unicamente la stampa locale dei territori coinvolti nelle predette Regioni (sul presupposto che dette elezioni regionali coinvolgono meno di ¼ dell’elettorato, e dunque mantengono natura di consultazione locale).

 

Per gli obblighi di par condicio, la prima cosa da tenere presente è il calendario. La par condicio, infatti, disciplina i periodi di campagna elettorale che iniziano a seguito dello scioglimento delle assemblee e della convocazione dei comizi elettorali. Per prassi, è l’entrata in vigore del regolamento Agcom che segna l’inizio del periodo rilevante.

 

CALENDARIO DELLE SCADENZE FONDAMENTALI


• 4 marzo 2018 – data in cui si tengono le elezioni
• l’inizio della campagna elettorale, e quindi degli obblighi di par condicio previsti, avviene nel giorno della pubblicazione in G.U. del regolamento Agcom.

Entro i 5 giorni successivi alla pubblicazione in G.U. del regolamento Agcom gli editori di quotidiani e periodici devono rendere pubblica la propria eventuale disponibilità ad ospitare messaggi politici elettorali a mezzo di un comunicato (ATTENZIONE: senza questa comunicazione non possono essere pubblicati tali messaggi).

 

In tema di diffusione dei messaggi politici e elettorali su quotidiani e periodici, la legge 28/2000, all’art. 7, comma 2, prevede che tale forma di comunicazione politica sia limitata, nel periodo elettorale, alla pubblicazione di:
• annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze e discorsi;
• presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati o di singoli candidati;
• confronto fra più candidati.
Sono vietate altre forme di comunicazione politica.

 

A differenza di quanto accade nel settore radiotelevisivo, per l’editoria è prevista la possibilità di comunicazione politica da parte di singoli candidati.
I messaggi politici elettorali di comunicazione politica devono essere riconoscibili come tali e pubblicati in box chiaramente evidenziati e aventi caratteristiche uniformi per ciascuna testata. devono anche recare la dicitura “messaggio elettorale” ed indicare il nome del committente del messaggio.

 

COME SI FA AD OSPITARE MESSAGGI POLITICI ELETTORALI
Il comunicato preventivo

 

(articolo 22 del regolamento Agcom)
Devono essere consentite ai candidati ed alle liste condizioni di parità di accesso. Allo scopo è fatto obbligo agli editori di comunicare preventivamente sulle proprie testate edite, entro i cinque giorni successivi all’entrata in vigore del regolamento Agcom, la disponibilità ad ospitare messaggi o comunicazione politica elettorale (tale comunicato può essere ripetuto liberamente in qualsiasi modalità e specificare per quale consultazione elettorale si intende ospitare i messaggi). Tale comunicazione deve avere adeguato rilievo grafico. Senza il comunicato preventivo non si può ospitare comunicazione politica.

Ai fini della tempestività della comunicazione, i periodici (la cui uscita potrebbe non essere compatibile con i tempi previsti dal regolamento) possono pubblicare il comunicato su un quotidiano o su altro periodico, purché con indice di diffusione analogo. In caso contrario, ed ove la comunicazione fosse resa oltre i termini previsti, la diffusione dei messaggi elettorali può aver luogo solo a partire dal secondo giorno successivo al giorno di pubblicazione del comunicato preventivo.

Nel comunicato preventivo devono essere indicati il luogo (sede e telefono degli uffici della redazione e della concessionaria di pubblicità) dove, su richiesta, è consultabile un DOCUMENTO recante le condizioni temporali e le modalità di prenotazione delle richieste per fruire degli spazi (ivi inclusa la definizione del criterio di accettazione delle prenotazioni in base alla loro progressione temporale), le relative condizioni tariffarie, distinte, se necessario, tra pagine nazionali e locali, nonché eventuali condizioni di gratuità.
I messaggi politici e elettorali possono essere pubblicati su quotidiani e periodici (nelle forme tassativamente previste) fino a tutto il penultimo giorno prima delle elezioni.

 

TARIFFE E SCONTI

 

(articolo 22 del regolamento Agcom)
Secondo quanto previsto nell’articolo 22 del regolamento dell’Autorità, le tariffe per l’accesso agli spazi elettorali sono autonomamente determinate per ogni singola testata, purché sia assicurata (e comprovabile a richiesta) a tutti i soggetti (liste o candidati) parità di trattamento. Ciò vuol dire che la tariffa d’accesso agli spazi è del tutto libera, ma che essa, una volta determinata, deve essere uniformemente applicata, assicurando a tutti i soggetti parità di condizione.

 

Si richiama l’attenzione su quanto previsto nel caso delle edizioni locali o comunque di pagine locali di testate a diffusione nazionale (ossia le testate con diffusione pluriregionale). In tali casi, infatti, dovranno indicarsi distintamente le tariffe praticate per le pagine locali e per le pagine nazionali (cfr. art. 22, comma 5 del regolamento Agcom).

 

TRATTAMENTO FISCALE
Il regime IVA da applicare ai messaggi politici


A tutti i messaggi politici elettorali pubblicati nei 90 giorni antecedenti la data delle elezioni si applica l’aliquota IVA del 4 per cento.
Si riporta al riguardo il testo dell’articolo 18 della legge 10 dicembre 1993, n. 515, come modificato dalla legge 8 aprile 2004, n. 90:
«Per il materiale tipografico, inclusi carta e inchiostri in esso impiegati, per l’acquisto di spazi d’affissione, di comunicazione politica radiotelevisiva, di messaggi politici ed elettorali sui quotidiani e periodici, per l’affitto dei locali e per gli allestimenti e i servizi connessi a manifestazioni, nei novanta giorni precedenti le elezioni della Camera e del Senato, dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia nonché, nelle aree interessate, nei novanta giorni precedenti le elezioni dei presidenti e dei consigli regionali e provinciali, dei sindaci e dei consigli comunali e circoscrizionali, commissionati dai partiti e dai movimenti, dalle liste di candidati e dai candidati si applica l’aliquota IVA del 4 per cento».

 

SONDAGGI POLITICI ED ELETTORALI


(articolo 25 del regolamento par condicio e art. 6 e 7 del regolamento sondaggi di cui alla Delibera AGCOM 256/10/CSP)
L’articolo 8 della legge 28/2000 prevede una specifica disciplina per la diffusione di sondaggi politici ed elettorali anche da parte delle emittenti radiofoniche nazionali.
Per sondaggio “politico ed elettorale” si intendono “i sondaggi demoscopici sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori”, nonché le manifestazioni di opinione che, per le modalità di realizzazione e diffusione, possono comunque influenzare l’elettorato (si deve pertanto ritenere che la disposizione sia estesa ad esempio ai sondaggi relativi al gradimento nei confronti del governo o di suoi singoli esponenti, nonché alle manifestazione d’opinione che riguardano il giudizio su aspetti, proposte o linee di indirizzo della vita politica nazionale, ovvero aspetti particolarmente rilevanti della vita nazionale quali la politica estera o la politica economica; ovvero la valutazione, su fatti, dichiarazioni o scelte di particolare attualità ed impatto, ecc.).
La pubblicazione dei sondaggi sugli orientamenti politici e di voto degli elettori è del tutto vietata nei quindici giorni precedenti la data delle votazioni, anche laddove si tratti di sondaggi effettuati in periodi precedenti. In questo periodo è altresì vietata la pubblicazione o la diffusione di notizie, commenti o dichiarazioni su sondaggi effettuati, salvo che tali notizie, commenti o dichiarazioni si riferiscano a sondaggi diffusi prima dell’inizio del periodo vietato.

 

Al di fuori del periodo vietato è previsto che i sondaggi, integrali o parziali, siano diffusi accompagnati da una nota informativa pubblicata in un apposito riquadro, recante una serie di indicazioni obbligatorie: soggetto che ha realizzato il sondaggio, committente, acquirente, estensione territoriale – nazionale, regionale, comunale -, consistenza del campione, numero delle persone rispondenti e percentuale dei non rispondenti, data di effettuazione, indirizzo web dove è disponibile il documento completo relativo al sondaggio predisposto dall’istituto di ricerca che ha effettuato il sondaggio stesso.

 

SANZIONI

 

(articolo 27 del regolamento Agcom)
L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, d’ufficio o su denuncia di terzi, interviene a sanzionare le violazioni alla disciplina sulla par condicio ed a garantire il ripristino delle condizioni di parità, provvedendo al massimo entro le 48 ore successive alla denuncia o all’accertamento della violazione.
Per quotidiani e periodici a diffusione locale la vigilanza, l’avvio dell’istruttoria e il potere di proposta di sanzioni è attribuito in prima istanza ai Comitati regionali per le comunicazioni competenti per territorio. La decisione finale spetta comunque all’Autorità.

 

In caso di violazione delle disposizioni concernenti i messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici, l’Autorità può imporre:
• l’obbligo per l’editore di mettere a disposizione dei soggetti illegittimamente esclusi spazi di pubblicità elettorale compensativi;
Inoltre, essa può:
• imporre l’obbligo di dichiarare l’avvenuta violazione della disciplina sui sondaggi sulla testata che ha diffuso il sondaggio stesso, con stesso rilievo e medesime modalità di pubblicazione.
• imporre la pubblicazione di messaggi recanti l’indicazione della violazione commessa, e, ove necessario, la pubblicazione di rettifiche;
• adottare provvedimenti d’urgenza al fine di ripristinare l’equilibrio nell’accesso alla comunicazione politica.

 

Completa l’apparato sanzionatorio la possibilità di irrogare le sanzioni pecuniarie previste dall’articolo 15 della legge n. 515/93, che la legge n. 28/2000 non ha abrogato.
A tutto ciò si aggiunge la sanzione pecuniaria espressamente prevista dall’articolo 1, comma 31 della legge 249/97 (da euro 10.330 a euro 258.230), ma solo in caso di mancata ottemperanza ad ordine (di fare) o diffide (a non fare) impartiti dall’Autorità.

 

I provvedimenti emessi dall’Autorità possono essere impugnati dinanzi al TAR del Lazio entro trenta giorni. Presso lo stesso TAR può essere proposto, in caso di inerzia dell’Autorità, ricorso per ottenere in sede cautelare la condanna dell’Autorità a provvedere entro tre giorni dalla pronunzia.